DOLOMITI GIORNI VERTICALI

Stefano Ardito

 

18,00

COD: 061 Categoria:

Tutte le storie hanno un inizio e una fine, dei protagonisti, uno sfondo. Questo libro ne racconta una che si dipana per un secolo e mezzo, dagli ultimi giorni dell’estate 1857 alla primavera del 2007. Basta uno sguardo ai protagonisti del primo e dell’ultimo capitolo per scoprire quanto gli anni del Risorgimento e della rivoluzione industriale siano lontani da quelli della globalizzazione e di Internet. L’evoluzione della tecnologia, dai mezzi di comunicazione ai veicoli, ha trasformato la cultura, il modo di pensare, ogni sfaccettatura della vita.

Tra l’avventura del 1857 di John Ball sul Pelmo e quella di Hansjörg Auer in free solo sul Pesce un secolo e mezzo più tardi, questo libro racconta decine di altre grandi giornate in montagna, nel mondo verticale dei Monti Pallidi.
I protagonisti sono molto diversi tra loro come provenienza, ceto e cultura, ma dagli anni del terzo a quelli del nono e del decimo grado, la motivazione è rimasta sempre la stessa. “Because it’s there”, “perché è lì”, come ha spiegato con straordinaria efficacia George Leigh Mallory prima di partire per l’Everest dove avrebbe perso la vita. Che si tratti di un Ottomila vergine, di una linea ancora da aprire in parete, di un tiro di corda o di un singolo passaggio ancora da liberare la sfida è rimasta sempre la stessa.

1857 – Un Irlandese sul Pelmo
1864 – La Prima Corda Doppia della Storia
1870 – Ghiaccio e Dubbi sul Cimòn de la Pala
1877 – Il “Paracarro” che Cambia la Storia
1887 – Acrobazie sulle Torri
1899 – Sconfitta e Vittoria sul Basso
1900 – Il Diavolo e la sua Emma
1901 – La Conquista della Grande Muraglia
1910 – Al Limite del Sesto Grado sul Croz
1911 – La Parete più Aerea
1914 – Un Diedro per gli Ultimi Giorni di Pace
1920 – Lo Spigolo più Bello delle Pale
1925 – Dove Cadono le Pietre
1929 – Il Sesto Grado Parla anche Italiano
1932 – Il Settimo Grado di Vinatzer
1934 – Il Capolavoro di Detassis
1935 – Come Ladri nella Notte
1936 – Sulle Fessure del Sassolungo
1944 – Un Pilastro Nonostante la Guerra
1952 – Le Traversate della Cima Scotoni
1956 – Da Solo e in Discesa sul Crozzòn
1957 – Il Diedro più Difficile delle Alpi
1958 – Direttissima!
1959 – I Francesi sulla Via Jean Couzy
1963 – Gelo sulla Civetta
1964 – Preghiere per un Ideale
1967 – Burèl, la Parete più Alta
1968 – Reinhold Messner e l’Ottavo Grado
1972 – Le Scarpe da Basket dei Fachiri
1974 – D’Inverno sul Burel
1975 – Il Diedro più Selvaggio
1978 – Le Acrobazie del Mago
1981 – Un Pesce in un Oceano di Roccia
1982 – In Cerca di Tempi Moderni
1986 – D’inverno sul Pesce
1989 – Di Corsa sulla Civetta
1992 – Un Monumento sul Sassolungo
1995 – La Solitaria dell’Apprendista Stregone
1995 – La Nascita di un Grande Amore
2000 – Da Solo sulla Solleder Ghiacciata
2001 – Alexander Huber su Bellavista
2002 – Moulin Rouge sulla Rotwand
2007 – Una Galoppata sul Pesce

Info sull’Autore

Stefano Ardito, nato a Roma nel 1954, è escursionista e alpinista, giornalista e fotografo, scrittore e regista di documentari.
Si occupa di natura, montagna, trekking e viaggi per Specchio, Alp, Meridiani, Qui Touring, Plein Air, la Rivista della Montagna e Viaggi&Sapori. Ha scritto un’ottantina
di libri e guide dedicati alle montagne italiane e del mondo.
Come regista ha curato una trentina di documentari per il programma di Rai Tre Geo&Geo (che ha presentato dal 1991 al 1993).
E’ stato tra i fondatori dell’associazione ambientalista Mountain Wilderness e tra gli ideatori del Sentiero Italia.
Con Versante Sud ha inoltre pubblicato Giorni della Grande Pietra e Giorni di Granito e di Ghiaccio, con lo stesso stile di Dolomiti Giorni Verticali, le storie alpinistiche del Gran Sasso e del Monte Bianco

 

Anno: 2007
ISBN: 88-87890-36-6
Pagine: 264 + XX tavole
Codice: R 15
Copy link