SCIALPINISMO NELLE ALPI GIULIE ORIENTALI

100 Itinerari – Tricorno, Gialuz, Prisani, Martuljek, Razor, Monte Nero, Monti di Bohinj.
Paul Ganitzer, Claudia Pacher, Christian Wutte, Britta Wutte, Robert Zink

32,00

COD: N/A Categorie: ,

Ogni appassionato di scialpinismo che metta piede anche solo una volta sulle Alpi Giulie viene contagiato dal fascino di questa impressionante (e piuttosto appartata) catena montuosa. Questo secondo volume copre il suo settore orientale, interamente ubicato in territorio sloveno.
Il carattere ripido e selvaggio degli itinerari, già noto dal primo volume, si ritrova qui soprattutto nel Gialuz (Jalovec), nel Tricorno (Triglav) e nel gruppo Martuljek-Razor-Prisani (Prisojnik). Ma le Alpi Giulie orientali hanno anche una caratteristica del tutto opposta: vi si trovano infatti vasti altipiani carsici circondati da cime dalle forme bizzarre e affascinanti, capaci di emozionare ogni scialpinista. Scenari perfetti sia per entusiasmanti escursioni di un giorno, sia per solitarie traversate di più tappe.
A completare questo fantastico quadro, oltre ai noti gruppi montuosi già citati, all’estremità meridionale delle Alpi Giulie si eleva maestoso il Gruppo del Monte Nero (Krn). È proprio in queste zone che si possono trovare riunite entrambe le caratteristiche descritte: salite ripide e selvagge accanto ad ampi altipiani collinari, che invitano gli sportivi a lanciarsi in indimenticabili avventure alla scoperta del magico mondo alpino invernale.

Info sugli Autori

Paul Ganitzer, vive da oltre dieci anni in Carinzia. Dopo aver trascorso la sua infanzia nella Valle di Großarl, vicino a Salisburgo, si è trasferito a Leoben per gli studi. È qui che, nel tempo libero, ha iniziato a esplorare i monti della Stiria superiore. Di professione ingegnere dei materiali e appassionato di corsa, arrampicata e parapendio, a Villach ha scoperto la sua passione per lo scialpinismo e il fascino delle Alpi Giulie. Qui tutti lo conoscono per la sua passione per gli sport estremi e per la sua incredibile resistenza fisica, ma chi lo conosce più a fondo sa che i suoi numerosi interessi vanno al di là dello sport e del lavoro. Paul infatti alleva api, ha una conoscenza approfondita della storia e si interessa di finanza, società, e vita politica, tematiche spirituali e mentali.

Claudia Pacher “Cloud-Ski” ha iniziato a subire il fascino dello sci sin da quando era bambina. Ha partecipato alle sue prime gare di sci a Reißeck, nella Mölltal, ed è qui che il suo talento e la sua grande ambizione si sono resi evidenti sin da subito. Da allora, la passione per la neve e quella per la montagna non l’hanno più abbandonata. Malgrado il lungo soggiorno a Vienna per studiare scienze alimentari e biotecnologie, e il successivo impegno lavorativo nell’industria farmaceutica, conserva ancora intatti la passione per la natura e l’amore per la montagna. Nel 2009 è tornata a vivere in Carinzia. Arrampicando ha conosciuto Paul Ganitzer e da allora sono una coppia inseparabile sempre in giro tra i monti e regolarmente sulle Alpi Giulie.

Christian Wutte, è nato nel 1964 e vive a Feistritz, nella Valle del Rosental, ai piedi dei monti Caravanchi. Sono questi ambienti che gli hanno trasmesso la passione per la montagna e fin da giovane ha iniziato a praticare, oltre allo scialpinismo sui monti austriaci, anche e soprattutto l’arrampicata sulle Alpi ripetendo gli itinerari classici sulle pareti delle Alpi occidentali e delle Dolomiti. Christian però ha sempre ritenuto importante diversificare le sue esperienze ampliando i suoi orizzonti all’arrampicata su ghiaccio, al canyoning, all’arrampicata sportiva, alla mountain bike e al parapendio. Una lunga permanenza nel soccorso alpino a Ferlach e diversi corsi per istruttore completano la sua conoscenza delle montagne.

Britta Wutte è figlia di sportivi: i suoi genitori le hanno messo gli sci ai piedi quando praticamente era ancora nella culla. Formatasi negli anni giovanili attraverso competizioni di sci, è in seguito diventata istruttrice di sci alpino e scialpinismo. Per avere la necessaria resistenza fisica per le salite in vetta si tiene in forma anche in estate praticando molta mountain bike: per questo riesce ad affrontare anche le più lunghe giornate di sci sull’altopiano carsico della Komna sempre col sorriso. La sua esplorazione delle Alpi Giulie slovene è cominciata quando ancora era bambina, e ormai sono poche le vette e i percorsi che mancano alla sua agenda. Ma il suo amore e la sua passione per questo mondo alpino unico sono ancora più vivi che mai.

Robert Zink, è nato in Stiria (Austria) nel 1970. Chimico di professione, è dall’età di 22 anni un grande appassionato di montagna. Dal 1999 vive a Villach, suo campo base per le numerose avventure che affronta a volte anche da solo, nel magico paesaggio delle Alpi Giulie. Oltre ad aver praticato scialpinismo in Europa, Africa, Nordamerica e Caucaso, la sua agenda personale è ricca di arrampicate classiche sulle Alpi, sulle rocce del Colorado e in Yosemite.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

PDF

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
Anno: 2015
ISBN: 978-88-98609-31-4
Pagine: 416
Codice: LV 70/1